La protesta di una mamma cattolica e delusa
Postato da admin [07/01/2010 13:27]

"Io non appenderò in casail calendario della diocesi"- da La Nuova Voce di Rovigo- Giovedì 7 Gennaio 2010


Una mamma cattolica e praticante comunica a tutti che non appenderà in casa il calendario della diocesi Adria-Rovigo. E spiega filo e per segno i motivi della singolare protesta.


Spettabile redazione, vi scrivo questa lettera per far sapere a voi e ai lettori che non appenderò in casa il calendario diffuso dal periodico della Diocesi di Adria-Rovigo "La Settimana". Capisco che possiate pensare che quello che appendo o non appendo in casa mia sono affari miei. Probabilmente avete ragione, ma sentivo il bisogno di rendere pubbliche le mie proteste. Io sono una mamma cattolica. Probabilmente non sono neppure una mamma eccezionale, e tanto meno una cattolica irreprensibile. Mi arrabatto, come moglie, come mamma e come cattolica, come ben sa il mio confessore. Però di una cosa sono certa: io sono andata a messa il primo gennaio (e con me i miei figli) perché era la festa di Maria Madre di Dio, che con il suo "sì" ha corredento il mondo, non certo perché era la 43esima giornata della pace come invece vorrebbe convincermi il calendario diocesano. E lasciamo perdere il fatto che l'Epifania del Signore cade il 6 gennaio e non il 3, un errore può sempre capitare… Scorrendo le righe però ho contato: 34 "giornate" varie (comprese quelle per il risparmio energetico, dei consumatori, del libro…), un buon numero di ricorrenze musulmane, qualche festa ortodossa, molte cinesi (dai nomi bellissimi; mi si ricorda anche che il 2010 sarà l'anno della Tigre…). Ci sono anche delle ricorrenze cristiane, non troppe forse per non sembrare invasivi. Del resto chi potrebbe tollerare di trovare troppi riferimenti al cristianesimo in un calendario diffuso dalla Diocesi? Fra gli assenti anche il giovedì santo, si vede che l'istituzione dell'eucarestia sembra una cosa da poco. A onor del vero, c'è anche uno sparuto gruppetto in rappresentanza dei santi: San Massimiliano (patrono degli obiettori di coscienza), San Francesco (in qualità di patrono d'Italia) e Santo Stefano (senza spiegazioni). A luglio si staglia, unica in tutta la pagina, la musulmana ascensione del Profeta (con la "p" maiuscola), mentre ad agosto si ricorda, in coda al Ramadan e alla giornata internazionale della gioventù, l'assunzione di Maria vergine (con la "v" minuscola). L'Immacolata concezione di Maria sta appiattita fra il capodanno musulmano e la giornata internazionale dei diritti umani. Il 16 maggio non è il giorno dell'ascensione di Nostro Signore, ma la 44esima giornata delle comunicazioni sociali… Settembre? Quinta giornata per la salvaguardia del creato, Lialat Al Qudir, fine del Ramadan, giornata internazionale della pace, festa cinese della luna. Con buona pace delle feste mariane… Davvero l'integrazione passa attraverso la distruzione sistematica non solo della nostra cultura ma anche della nostra identità religiosa (operata per giunta da strutture interne alla diocesi)? Io non ne sono convinta, per cui ho appeso in casa il calendario che mi ha dato il mio amico legatore: ogni giorno un santo a tenermi compagnia e a ricordarmi che sono cattolica, apostolica, romana.


Ps: riguardo al sinodo diocesano ("quale chiesa dobbiamo costruire?"), perché dobbiamo costruire una chiesa? La chiesa ce l'abbiamo già: è stata istituita da nostro signore gesù duemila anni fa.

Francesca Pivirotto

 

 
Vota l'articolo:                    Media dei voti:                  Votanti: 5  Commenti: 0
 
Postato da [07/01/2010 13:27]

 
Aggiungi un commento
 
Email (*)

Commento



(*) L'indirizzo email è obbligatorio per gli utenti non loggati nel sistema.
L'inserimento del commento comporta l'iscrizione a questo blog ed il commento verrà pubblicato solo una volta accettate le condizioni presenti nell'email di conferma spedita automaticamente dal sistema.


 
Email:
Password:
 
            
Vuoi commentare gli articoli? Inserisci la tua email e richiedi la tua password premendo sul tasto "registrati"
 
 
    
Alcuni movimenti politici e associazioni stanno tentando di ricomporre su basi innovative l'area dei democratici cristiani e dei popolari, Ritieni la cosa positiva?
 
SI
NO
 
       












Partners
 
 
 
 
 


Dir.Resp.: Ettore Bonalberti - Coordinatore Blog: Giorgio Zabeo
Redazione e amministrazione: C.so del Popolo, 29 - 30172 Mestre (Venezia) - tel. e fax 041/978232 - Email: info@insiemeweb.net
©2008 Associazione Insieme - powered by Enforma Solutions - based on en-press engine - Privacy Policy