Il 5 per mille e il principio di sussidiarietà
Postato da admin [12/12/2009 13:50]

La legge sul 5 ‰ a favore del volontariato no profit, varata dal Governo  Berlusconi durante la legislatura 2001-2006, è una delle scelte più  innovative e più coerenti col principio di sussidiarietà.

Il Governo Prodi e la crisi economica hanno trasformato questo

caposaldo fondamentale nel processo di rinnovamento dello Stato, in un  luogo di scorribande contrattualistiche e di stressanti precarietà.

Perciò, il primo obiettivo per il Governo e per la maggioranza è quello  di trasformare questa legge in una sorta "di posta fissa" di bilancio, cioè,  come hanno detto bene Sacconi e Lupi, è quella di istituzionalizzare il 5 ‰

a favore del volontariato e del no profit, dal che scaturirà una serie positiva  di effetti utili per la società italiana:

a) la garanzia di stabilità e di affidabilità permetterà al Terzo Settore di recuperare managerialità e di superare l'eccessiva

frammentazione;

b) aiuterà gli Enti Locali ad affidare con continuità al Terzo Settore  servizi assistenziali, culturali, di manutenzione, evitando

tentazioni centralistiche e pratiche clientelari;

c) la stabilità, senza mercanteggiamenti annuali, aiuterà il no profit a  liberarsi dai residui inquinamenti ideologici;

d) verrà data forza di programmazione ad una rete di imprese dalla  grande potenzialità economica e ricche di capacità di esempio sul  piano dell'impegno etico, della sobrietà, della generosità.

Insomma, una rete di 40 mila imprese-associazioni che coinvolgono oltre 6  milioni di persone; una rete capillare che tiene unito il Paese e che, in un  momento di fragile progettualità e di debole coraggio verso il futuro,  costituisce un investimento in una solida speranza ed in un progetto dal  respiro lungo.

Sì, perché questo è il crocevia di sintesi tra sussidiarietà,

responsabilità, solidarietà; cioè la risposta concreta del PPE e dei moderati  all'assistenzialismo statalista di matrice marxista.

È questo uno dei pilastri dell'economia sociale di mercato; è questo uno  dei nodi di fondo della riforma dello Stato in senso autonomistico-  federalista, perché la sussidiarietà orizzontale è anche un modo per  governare le tentazioni del neocentralismo localistico.

Quindi, la scelta di istituzionalizzare il 5 ‰ è un modo concreto per  dare coerenza alla nostra appartenenza al PPE, alla nostra scelta di  rinnovare lo Stato in senso autonomistico-federalista, alla nostra volontà di  riorganizzare l'Welfare, depurandolo dalle scorie assistenzialistico-  statalistiche, puntando su una linea valoriale che fa perno sulla centralità  della persona, sulla sussidiarietà, sulla responsabilità, sulla solidarietà.

In sintesi, la scelta di istituzionalizzare il 5 ‰, dando così al vasto e  fecondo mondo del volontariato forza di stabilità e sicurezza di  progettualità, non è solo una necessaria razionalizzazione amministrativa,  ma una scelta strategica ricca di significati valoriali e politici.  

 

Gianstefano Frigerio

Membro dell'Ufficio Politico del PPE

 

 

 

 
Vota l'articolo:                    Media dei voti:                  Votanti: 4  Commenti: 0
 
Postato da [12/12/2009 13:50]

 
Aggiungi un commento
 
Email (*)

Commento



(*) L'indirizzo email è obbligatorio per gli utenti non loggati nel sistema.
L'inserimento del commento comporta l'iscrizione a questo blog ed il commento verrà pubblicato solo una volta accettate le condizioni presenti nell'email di conferma spedita automaticamente dal sistema.


 
Email:
Password:
 
            
Vuoi commentare gli articoli? Inserisci la tua email e richiedi la tua password premendo sul tasto "registrati"
 
 
    
Alcuni movimenti politici e associazioni stanno tentando di ricomporre su basi innovative l'area dei democratici cristiani e dei popolari, Ritieni la cosa positiva?
 
SI
NO
 
       












Partners
 
 
 
 
 


Dir.Resp.: Ettore Bonalberti - Coordinatore Blog: Giorgio Zabeo
Redazione e amministrazione: C.so del Popolo, 29 - 30172 Mestre (Venezia) - tel. e fax 041/978232 - Email: info@insiemeweb.net
©2008 Associazione Insieme - powered by Enforma Solutions - based on en-press engine - Privacy Policy