Giovani: insieme per discutere e apprendere
Postato da admin [19/12/2008 10:24]

L'antica dicotomia ideologica, che contrapponeva il "popolo di bandiera rossa" e i "cattolici filoamericani", ha accompagnato i giovani politici della prima repubblica per quarantacinque anni, dando loro la possibilitÓ, prima, di discutere sulla rotta politica e programmatica da seguire e, poi, di apprendere giusti criteri di scelta nella selezione della classe dirigente e dei candidati alle cariche istituzionali, in un sistema proporzionale. Discutere e Apprendere linee guida e criteri rispettosi della democrazia e della libertÓ di espressione dei cittadini.

Oggi, i giovani non hanno avuto l'opportunitÓ di "fare scuola" in partiti, ormai scomparsi, come la DC, e i nuovi partiti, della seconda repubblica, non hanno saputo, ancora, trasferire quella tradizione e quella ereditÓ indispensabile per la continuitÓ politica. Ma, comunque, sono cresciuti in famiglie e in ambienti della societÓ civile ricchi di sani principi e valori cattolici. Ambienti questi che, fucine di idee e volani di intraprendenza, hanno visto l'emergere di giovani intelligenti e preparati, in un sistema meritocratico, come quello dell'imprenditoria, delle professioni e dell'industria, mentre nel nuovo sistema politico qualche difficoltÓ si Ŕ incontrata, per usare un eufemismo.

E', comunque, una grande soddisfazione per tutti noi che le anime del centro destra completino quel progetto di unificazione partito da lontano e che, in attesa dei congressi, un "organismo di transizione" traghetti Forza Italia, Alleanza Nazionale, e le altre forze verso il nuovo P.D.L. Per˛, questa testa pensante, decisa dai vertici, per il modo con la quale Ŕ stata costituita deve tenere conto della base degli attivisti, fatti in larga misura da giovani.

Fondamentale e indispensabile che le informazioni, la comunicazione, il dibattito si faccia all'interno di tutte le anime che compongono il PDL,anche in prossimitÓ dell'ormai annunciato congresso che sancirÓ la costituzione formale e ufficiale del nuovo partito del Popolo della LibertÓ. Ma soprattutto bisogna dare l'opportunitÓ di apprendere. Dare tutto per scontato e non fare sposare in maniera condivisa la bontÓ del provvedimento alla pi¨ larga base possibile, in vista delle elezioni amministrative, sarebbe un atto di miopia politica.


 

Beniamino Boscolo

V. coordinatore provinciale di Forza Italia

Assessore del comune di Chioggia

 

 

 

 
Vota l'articolo:                    Media dei voti:                  Votanti: 17  Commenti: 6
 
Postato da x658wsvz@hotmail.com [19/12/2008 10:24]
Asu meaaaaaaachaaaaaaaaaaaaaaaaaaa, todas las tarjetas están de mega wow!!!! Muy bien, equipoooooooo, muy bien!!!!!!!!!!!!!! Me encantaaaaaaa tanto talento juntooooooo chicas!!!!!! Gracias por su esfuerzo y esperemos que participen muuuchas chicas!
 
Postato da x658wsvz@hotmail.com [19/12/2008 10:24]
Asu meaaaaaaachaaaaaaaaaaaaaaaaaaa, todas las tarjetas están de mega wow!!!! Muy bien, equipoooooooo, muy bien!!!!!!!!!!!!!! Me encantaaaaaaa tanto talento juntooooooo chicas!!!!!! Gracias por su esfuerzo y esperemos que participen muuuchas chicas!
 
Postato da info@beniaminoboscolo.it [19/12/2008 10:24]
Cari amici la politica e' cambiata, e probabilmente anche le persone e i giovani. Da una recente conferenza sulla storia di e. Mattei ho capito che se un giovane ha le qualita' per emergere, non ci sono scuse ma un forte impegno. Oggi non si punta sulle ideologie, ma sulle persone! Poi che il sistema sia peggiorato, questa e' una altra storia...
 
Postato da info@beniaminoboscolo.it [19/12/2008 10:24]
Cari amici la politica e' cambiata, e probabilmente anche le persone e i giovani. Da una recente conferenza sulla storia di e. Mattei ho capito che se un giovane ha le qualita' per emergere, non ci sono scuse ma un forte impegno. Oggi non si punta sulle ideologie, ma sulle persone! Poi che il sistema sia peggiorato, questa e' una altra storia...
 
Postato da b.boscolo@email.it [19/12/2008 10:24]
Mi pare esistessero anche reali e proprie differenze tra le forze politiche del passato, data proprio dalla cultura ideologica che le rappresentava. Oggi politici di destra,di ieri, sono nel centro sinistra ovvero quelli di sinistra, stanno nel centro-destra.
 
Postato da venergy@tin.it [19/12/2008 10:24]
La preoccupazione maggiore Ŕ che la politica Ŕ fatta da gente anziana di etÓ e di mentalitÓ, che esclude dalla vita i giovani, a partire dalla alcune famiglie, dalla maggior parte delle imprese famigliari, dalla politica a tutti i livelli ecc.... ec....
 
Aggiungi un commento
 
Email (*)

Commento



(*) L'indirizzo email è obbligatorio per gli utenti non loggati nel sistema.
L'inserimento del commento comporta l'iscrizione a questo blog ed il commento verrà pubblicato solo una volta accettate le condizioni presenti nell'email di conferma spedita automaticamente dal sistema.


 
Email:
Password:
 
            
Vuoi commentare gli articoli? Inserisci la tua email e richiedi la tua password premendo sul tasto "registrati"
 
 
    
Alcuni movimenti politici e associazioni stanno tentando di ricomporre su basi innovative l'area dei democratici cristiani e dei popolari, Ritieni la cosa positiva?
 
SI
NO
 
       












Partners
 
 
 
 
 


Dir.Resp.: Ettore Bonalberti - Coordinatore Blog: Giorgio Zabeo
Redazione e amministrazione: C.so del Popolo, 29 - 30172 Mestre (Venezia) - tel. e fax 041/978232 - Email: info@insiemeweb.net
©2008 Associazione Insieme - powered by Enforma Solutions - based on en-press engine - Privacy Policy