La democrazia sta evaporando
Postato da admin [13/12/2014 19:10]

Ettore Bonalberti nel suo ultimo intervento sul blog Insiemeweb.net  chiede all'Italia una capacità di rigenerazione morale, altrimenti in cambio di questa rivoluzione etica il Paese subirà un declino economico non più arrestabile.

Personalmente credo che quello che lui chiede ,e che sarebbe necessario, non si realizzerà'  in tempi brevi  visto  che la compagine governativa e' formata da ministri dilettanti e inconcludenti .

Una compagine governativa  che  non preannuncia niente di buono, dato  che solo un fatto marginale (?)e' stato reso concreto con leggerezza ,facilità e nell'indifferenza generale, quando ha cambiato i 100 giorni in cui sembrava che dovesse ribaltare l'Italia aggiungendo uno zero, facendo diventare 1000 i giorni per giudicare l'azione del governo ,spostando di fatto il giudizio  da tre mesi in piena azione governativa a mille a ridosso delle elezioni fra  3 anni.

Ma al di là dell'aspetto economico pur importante c'e un aspetto politologico da considerare  .

Questa democrazia e questo Stato, ma non solo il nostro, oltre alla  crisi economica, alla mancanza di volontà e di serietà, di selezione meritocratica a  parole (anche per i dirigenti del Censis !) ,di mancanza di visioni sociali ,soffre di una malattia che il Mulino chiama  "disturbo bipolare"  che la sta privando della sua ragion d'essere .

Da un parte, infatti  si assiste al fenomeno del crescente successo di  leader personalistici e carismatici e con forte presenza sui media con vistose  venature populistiche .

 Dall'altra  la presenza  di quel fenomeno per cui la finanza internazionale   sottrae allo stato nazionale una gran parte del potere di decidere proprio dello Stato ,creando di fatto degli stati IMPOTENTI.

Il risultato di questa situazione è che ci troviamo con governanti forti (ma non solo in Italia) con risultati importanti sul piano elettorale, ma, di fatto, marionette contornati da comitati di affari .

In Italia questa teoria è verificata pienamente con risvolti  sul piano mediatico e dei rapporti tra leader e cittadini.

Abbiamo un presidente del consiglio che, sia pure in modo non  sempre chiaro, ha una forte maggioranza, ma ormai  non parla più alla macchina del partito (il Pd diventato  il principale vergognoso partito conservatore e' ora  interessato soltanto ad  arrivare alla fine della legislatura per avere i supporti finanziari conseguenti !) ; un leader che basa la sua comunicazione su un rapporto tra leadership e cittadini guidato da  twistore cioè da poche righe scritte al mattino.

Ricordo che circa un mese Fassino, stanco di questa situazione, disse con una battuta : ma se chiudiamo il parlamento per 6 mesi che cosa succede?E la risposta era evidente : non succede nulla in uno stato incapace di gestire il proprio territorio e le proprie finanze con onestà e trasparenza .

Ed e' una battuta  che riassume lo stato di funzionamento del parlamento e della classe dirigente oggi.

Alla fine di questo  ciclo politologico potremmo trarre delle conseguenze sociali  .

Secondo gli studiosi un futuro di sempre maggiore iniquità .

Anche secondo la relazione di Visco  i cambiamenti in corso(come dice lui) in questa lunga trasformazione antropologica =crisi ,vengono presentati come una sfida che presenta anche delle opportunità  da  cogliere .

Ma quali sono  gli strati sociali che sanno  cogliere le opportunità' economiche ?

Quelli che hanno esperienza in questo campo, cioè gli abbienti , mentre per gli altri rimane l'emarginazione e cioè lavorare e scannarsi per avere le briciole di un 20 per cento dell'economia mondiale (con il  rischio di  fare partecipare al voto il 5% dei votanti)quando l'80 per cento e' in mano ai ricchi .

La conseguenza sociologica è un aumento di violenza nelle relazioni umane .

Non abbiamo forse notato che negli ultimi mesi in Italia abbiamo avuto un aumento di fatti violenti ? Nelle famiglie e fuori di esse   l'omicidio o il suicidio o la presenza di  entrambi hanno subito una impennata, uniti a un aumento della corruzione  dilagante, come ha  denunciato il New York Times nei giorni scorsi .

Dinanzi a questo scenario futuribile  riusciremo mai a raddrizzare con delle medicine adeguate queste democrazie "disturbate "con  la rigenerazione etica di cui parla il nostro volonteroso amico veneto   ?

Io glielo auguro ,ma prima togliamo gli F35 dal programma……

 

Armando TODESCO   

 

 

 

 


 
Email:
Password:
 
            
Vuoi commentare gli articoli? Inserisci la tua email e richiedi la tua password premendo sul tasto "registrati"
 
 
    
Alcuni movimenti politici e associazioni stanno tentando di ricomporre su basi innovative l'area dei democratici cristiani e dei popolari, Ritieni la cosa positiva?
 
SI
NO
 
       












Partners
 
 
 
 
 


Dir.Resp.: Ettore Bonalberti - Coordinatore Blog: Giorgio Zabeo
Redazione e amministrazione: C.so del Popolo, 29 - 30172 Mestre (Venezia) - tel. e fax 041/978232 - Email: info@insiemeweb.net
©2008 Associazione Insieme - powered by Enforma Solutions - based on en-press engine - Privacy Policy