La globalizzazione dell'indifferenza
Postato da admin [13/07/2013 23:29]

"La cultura del benessere che ci porta a pensare a noi stessi, ci rende insensibili alle grida degli altri, ci fa vivere in bolle di sapone, che sono belle, ma non sono nulla, sono l'illusione del futile, del provvisorio, che porta all'indifferenza verso gli altri, anzi porta alla globalizzazione dell'indifferenza. In questo mondo della globalizzazione siamo caduti nella globalizzazione della indifferenza."
Papa Francesco
(8/7/2013 Lampedusa)

Papa Francesco, con i Suoi discorsi autorevoli e profondi, ma comunicati in modo semplice ed efficace per tutti, raggiunge centinaia di migliaia di cristiani e non cristiani; nell'ultimo intervento pubblico a Lampedusa, prima uscita ufficiale fuori dal Vaticano, il Papa si e' soffermato sul dramma dell'esodo degli extracomunitari, con migliaia di profughi che fuggono dalla miseria e dalle guerre, sperando di trovare in Italia e in Europa un mondo pił accogliente che consenta loro di vivere una vita con dignitą e con un minimo di benessere, attraverso il lavoro. Purtroppo la strumentalizzazione delle parole di Papa Francesco avviene ogni volta che parla; sono politicamente la sinistra e Repubblica, portavoce ufficio stampa, che applaudono ai suoi interventi e poi ci sono molti "grillini" che non capiscono o fingono di non capire, che ormai lo considerano uno di loro nella denuncia delle caste del potere.
In veritą Papa Francesco ha modi diversi di manifestare i suoi interventi che certamente non sono mai prediche tradizionali, ma riflessioni e forti richiami, si', specie quando si e' gią rivolto in pił occasioni ai cattolici, ai politici, agli uomini del potere, ai responsabili della finanza per richiamare tutti verso un'attenzione prioritaria alla persona, alla centralitą dell'uomo, al rispetto della sua libertą e dignitą. Vedremo se ci saranno gli stessi applausi da parte della sinistra quando Papa Francesco comincerą ad entrare di pił nel merito dei valori non negoziabili: la difesa della vita dal concepimento alla fine naturale; il matrimonio antropologico tra persone di sesso diverso; l'educazione dei bambini affidata ai genitori naturali;
la libertą di educazione, la libertą di culto non solo in Occidente, dove gią avviene, ma specie nei paesi mussulmani dove per noi cristiani non ci sono le condizioni per pregare: mancano le Chiese.
Aspettiamo con la massima serenitą i prossimi interventi di Papa Francesco.
Antonino Giannone
Vice Presidente ALEF (Associazione Liberi e Forti)

 
Vota l'articolo:                    Media dei voti:                  Votanti: 0  Commenti: 0
 
Postato da [13/07/2013 23:29]

 
Aggiungi un commento
 
Email (*)

Commento



(*) L'indirizzo email è obbligatorio per gli utenti non loggati nel sistema.
L'inserimento del commento comporta l'iscrizione a questo blog ed il commento verrà pubblicato solo una volta accettate le condizioni presenti nell'email di conferma spedita automaticamente dal sistema.


 
Email:
Password:
 
            
Vuoi commentare gli articoli? Inserisci la tua email e richiedi la tua password premendo sul tasto "registrati"
 
 
    
Alcuni movimenti politici e associazioni stanno tentando di ricomporre su basi innovative l'area dei democratici cristiani e dei popolari, Ritieni la cosa positiva?
 
SI
NO
 
       












Partners
 
 
 
 
 


Dir.Resp.: Ettore Bonalberti - Coordinatore Blog: Giorgio Zabeo
Redazione e amministrazione: C.so del Popolo, 29 - 30172 Mestre (Venezia) - tel. e fax 041/978232 - Email: info@insiemeweb.net
©2008 Associazione Insieme - powered by Enforma Solutions - based on en-press engine - Privacy Policy