Fermenti democristiani
Postato da admin [07/07/2013 22:37]

Grande fermento nel mondo cattolico e tra i politici di matrice  democratico cristiana.

Carlo Costalli, presidente del MCL ( Movimento Cristiano Lavoratori)  su l'"Avvenire" di Giovedì 4 Luglio indica due strade per vincere il declino: il rinnovamento della politica e l'avvio delle riforme istituzionali, evidenziando l'urgenza di una nuova Camaldoli a settanta anni dal famoso Codice con cui  nel 1943 si riavviò l'esperienza politica dei cattolici, ad avvenuta fondazione della Democrazia Cristiana (1942).

 

Il 24 Luglio è la data indicata  da Gerardo Bianco per un invito alla Nuova Camaldoli " non per fare una commemorazione, ma per identificare un punto di partenza della nostra riemergenza".

 

E' di  Venerdì 5 Luglio la lettera di Gianni Fontana ai costituenti dell'Associazione " Democrazia Cristiana", nata  da un  atto notarile di cinquanta soci fondatori il 26 Giugno scorso a Roma, dopo l'esperienza tuttora sub judice del XIX Congresso nazionale della DC del Novembre 2012, con cui si tentò di dare pratica attuazione alla sentenza della Cassazione che ha dichiarato, senz'altra possibilità di appello, che la DC  non è mai stata giuridicamente sciolta.

 

La lettera di Fontana è, infine, rivolta a tutti gli amici del popolarismo e del pensiero democratico cristiano che intendono concorrere alla ricostruzione della presenza dei democratici cristiani nella politica italiana.

 

Fermenti sono presenti pure nell'UDC, per iniziativa dell'On Mario Tassone, e diffusa è la sensazione della sostanziale debolezza e capacità di tenuta degli assetti politico-partitici sopravvissuti all'agonia della seconda repubblica.

 

Non a caso nelle settimane scorse, di fronte alle tesi franche di Cofferati di un ritorno del PD nell'area naturale della socialdemocrazia europea, e di Berlusconi per un ritorno del PdL a Forza Italia, con possibili esiti di natura dinastica, abbiamo gridato alto e forte: "Liberi Tutti " con la volontà  di  riaggregare  un nuovo centro ispirato ai valori cristiano sociali e alla migliore esperienza storico politica dei cattolici democratici.

 

Con il solito acume politico Ciriaco De Mita, in un'intervista passata inosservata nei giorni scorsi,  sosteneva una tesi, da noi fortemente condivisa, secondo cui la costruzione del nuovo centro passa inevitabilmente dal consolidamento del governo Letta-Alfano.

 

 Ecco perché seguiamo con apprensione le continue intemerate di Brunetta e Santanché da destra e del pischello fiorentino, Renzi, sul fronte del PD. Sciabolate senza costrutto in una fase difficilissima della politica italiana che non producono altro che l' indebolimento dei già complessi e fragili equilibri di governo, puntando a elezioni anticipate senza alcuna prospettiva.

 

Caduta dei consumi del 2,8% ai livelli degli anni'70 e una tassazione, quarta in Europa, al 44% hanno prodotto una qualità di vita degli italiani delle classi medie e popolari, sempre più  precaria con una disaffezione verso la politica espressa nei ricorrenti voti politici e amministrativi caratterizzati da un astensionismo del tutto sconosciuto nella tradizione democratica dell'Italia.

Da parte nostra coltiviamo la speranza che ciò che sta avvenendo nel mondo cattolico, rafforzato nell'unità della Fede, dopo la pubblicazione dell'ultima enciclica " Lumen Fidei" dei due Papi, e con la quale si chiude il trittico di Benedetto XVI sulle tre virtù teologali, possa ricostruire ancora una volta la cultura politica in grado  di offrire una nuova speranza all'Italia.

 

Ettore Bonalberti

Associazione "Democrazia Cristiana"

Venezia, 7 Luglio 2013

 
Vota l'articolo:                    Media dei voti:                  Votanti: 0  Commenti: 2
 
Postato da [07/07/2013 22:37]
Carissimo Ettore, mi sembra che stiano davvero maturando le condizioni storiche per una riemergenza politica, organizzata e unitaria dei democratici cristiani italiani. La qualificazione può apparire desueta ma rende bene l’idea di cosa sto parlando. Serve però un salto di qualità parte di tutti coloro che si riconoscono in questa grande famiglia politica europea. La nostra da sempre. Dobbiamo tutti saper mettere da parte i personalismi, i tatticismi, le precarie collocazioni da “riserva indiana” degli ultimi anni e marciare uniti verso il comune punto della nostra riaggregazione che non potrà che essere il nuovo Partito Popolare Italiano. Va bene sostenere ora il governo Letta-Alfano e andrà ancora meglio se sapremo cogliere uniti il treno delle elezioni europee con sistema proporzionale. Un abbraccio, con tutta la stima per il tuo impegno. Antonio Chierichetti
 
Postato da armandotodesco@alice.it [07/07/2013 22:37]
E' profondo ormai il fossato che divide la classe politica e il mondo della gente comune .Chissa se si riuscira' a colmarlo un pochettino .Sara' difficile credo .Mai si e' visto una classe politica che ormai ,una volta che si siede in parlamento fa compagnia tra se',dimenticando totalmente la gente che li ha votato e le loro condizioni .Uno scandalo proprio .E' il disinteresse e' generale e interpartitico a tutti i livelli,dalle zone dei quartieri al parlamento. Ognuno pensa a se stesso nel'indifferenza .Piu' societa' liquida di questa e lobbistica in cui un comitatino di 4 persone e' capace di dettare leggi ,e' difficile trovarla in giro .Ma speriamo . Ciao Ettore a.todesco
 
Aggiungi un commento
 
Email (*)

Commento



(*) L'indirizzo email è obbligatorio per gli utenti non loggati nel sistema.
L'inserimento del commento comporta l'iscrizione a questo blog ed il commento verrà pubblicato solo una volta accettate le condizioni presenti nell'email di conferma spedita automaticamente dal sistema.


 
Email:
Password:
 
            
Vuoi commentare gli articoli? Inserisci la tua email e richiedi la tua password premendo sul tasto "registrati"
 
 
    
Alcuni movimenti politici e associazioni stanno tentando di ricomporre su basi innovative l'area dei democratici cristiani e dei popolari, Ritieni la cosa positiva?
 
SI
NO
 
       












Partners
 
 
 
 
 


Dir.Resp.: Ettore Bonalberti - Coordinatore Blog: Giorgio Zabeo
Redazione e amministrazione: C.so del Popolo, 29 - 30172 Mestre (Venezia) - tel. e fax 041/978232 - Email: info@insiemeweb.net
©2008 Associazione Insieme - powered by Enforma Solutions - based on en-press engine - Privacy Policy