Liberalizzazioni ? No grazie (visti risultati del passato)
Postato da admin [17/12/2011 12:11]

"Vuoi vedere che se il Paese rischia il collasso è colpa delle mancate liberalizzazioni dei taxi, dei farmaci di fascia c o delle edicole ? In queste ore stiamo assistendo ad un vero e proprio attacco contro queste categorie, ma è possibile che non ci sia nessuno che alzi un dito e chieda conto alle assicurazioni, alle banche, alle ferrovie o alle società del gas o delle autostrade sul fatto che le liberalizzazioni che ci sono state in questi ultimi 20 anni hanno prodotto aumenti esponenziali di prezzi e tariffe, recando vantaggi solo ai grandi potentati economici che stanno dietro a questi settori ?"

 

La provocazione, chiaramente, è lanciata dal segretario della CGIA di Mestre, Giuseppe  Bortolussi, che altrettanto provocatoriamente dichiara: 

"Visto che le liberalizzazioni avvenute in passato nella stragrande maggioranza dei casi hanno dato luogo ad vera  e propria impennata dei prezzi o delle tariffe, forse è un bene per i consumatori che i taxi rimangano contingentati e i medicinali di fascia c con ricetta medica continuino ad essere venduti solo nelle farmacie comunali". 

Infatti, l'apertura al mercato di 11 beni e servizi di largo consumo avvenuta negli ultimi 20 anni hanno dato luogo ad un vero e proprio flop

Quello  più clamoroso si è registrato nelle assicurazioni sui mezzi di trasporto che dal 1994 ad oggi sono aumentate del +184,1%, contro un incremento dell'inflazione del +43,3% (in pratica le assicurazioni sono cresciute 4,2 volte in più rispetto al costo della vita).

Male anche i servizi bancari/finanziari (costo dei conti correnti, dei bancomat, commissioni varie, etc.). Sempre tra il 1994 ed il 2011 i costi sono aumentati mediamente del +109,2%, mentre l'incremento dell'inflazione è stato pari al +43,3% (in questo caso i costi finanziari sono aumentati 2,5 volte  in più dell'inflazione).

Anche i trasporti ferroviari hanno registrato un incremento dei prezzi molto consistente: tra il 2000 ed il 2011, sono aumentati del +53,2%, contro un aumento del costo della vita pari al +27,1%.

Se per i servizi postali l'aumento del costo delle tariffe è stato del +30,6%, pressoché pari all'incremento dell'inflazione avvenuto tra il 1999 ed il 2011 (+30,3%), per l'energia elettrica la variazione delle tariffe ha subito un aumento più contenuto (+1,8%) rispetto alla crescita dell'inflazione (che tra il 2007 ed i 2011 è stata del +8,4%). Solo per i medicinali e i servizi telefonici le liberalizzazioni hanno portato dei vantaggi economici ai consumatori. Nel primo caso, tra il 1995 ed oggi i prezzi sono diminuiti del 10,9%, a fronte di un aumento del costo della vita del +43,3%. Nel secondo caso, tra il 1998 ed il 2011 le tariffe sono diminuite del 15,7%, mentre l'inflazione è aumentata del 32,5%. 

 

Andamento delle tariffe nei settori liberalizzati

Variazioni % del prezzo/tariffe e dell'inflazione tra l'anno di liberalizzazione e il 2011 (**)

 

Anno di liberalizzazione (**)

Var. % del prezzo o della tariffa

Var. % inflazione

Aumento prezzi o tariffe rispetto l'inflazione

Assicurazioni sui mezzi di trasporto (*)

1994

+184,1

+43,3

+4,2 volte

Servizi bancari/finanziari (*)

1994

+109,2

+43,3

+2,5 volte

Trasporti ferroviari

2000

+53,2

+27,1

+ 2 volte

Pedaggi autostradali (***)

1999

+50,6

+30,3

+1,7 volte

Trasporti aerei

1997

+48,9

+35,1

+1,4 volte

Gas

2003

+33,5

+17,5

+1,9 volte

Servizi postali

1999

+30,6

+30,3

uguale

Trasporti urbani (***)

2009

+7,9

+4,1

+1,9 volte

Energia elettrica

2007

+1,8

+8,4

inferiore

Prodotti farmaceutici

1995

-10,9

+43,3

diminuito

Servizi telefonici

1998

-15,7

+32,5

diminuito

Elaborazione Ufficio Studi CGIA di Mestre su dati Istat e fonti varie

 Note:

(*) Dati di partenza del prezzo e dell'inflazione riferiti al 1995.

(**) Per ciascuna voce si è identificato l'anno in cui ha cominciato a svilupparsi il processo di liberalizzazione

ed è stata calcolata la variazione dei prezzi fino agli ultimi dati disponibili (2011 media primi 10 mesi)

·          Assicurazioni: a partire dalla liberalizzazione del 1994

·          Servizi finanziari: a partire dall'entrata in vigore del Testo Unico Bancario (1994)

·          Trasporti ferroviari: a partire dall'anno di separazione tra Trenitalia e Rete Ferroviaria Italiana (2000)

·          Trasporti urbani: a partire dalla Legge 133/2008 (conferimento gestione tramite procedure competitive)

·          Gas: liberalizzazione a partire dal 1 gennaio 2003  

·          Pedaggi autostradali: a partire dalla privatizzazione della principale concessionaria pubblica (1999)

·          Trasporti aerei: a partire dal 1997 (conclusione processo di liberalizzazione del trasporto aereo europeo)

·          Servizi postali: dal recepimento della prima direttiva postale (1998-99)

·          Energia elettrica: a partire dal 1 luglio 2007 (liberalizzazione per i clienti privati)

·          Prodotti farmaceutici: dei medicinali a partire dal 1995.

·          Servizi telefonici: a partire dall'introduzione della "Legge Maccanico" (1997-1998)

(***) Per le voci pedaggi autostradali e trasporti urbani - a causa dei cambiamenti nella

rilevazione da parte dell'ISTAT (nel 2011) - le variazioni dei prezzi nel periodo 2007 e 2011 sono state

calcolate riconducendo le voci in questione a quelle più direttamente confrontabili

(rispettivamente pedaggi e parchimetri e trasporti urbani multimodali).

 

 

 


 
Email:
Password:
 
            
Vuoi commentare gli articoli? Inserisci la tua email e richiedi la tua password premendo sul tasto "registrati"
 
 
    
Alcuni movimenti politici e associazioni stanno tentando di ricomporre su basi innovative l'area dei democratici cristiani e dei popolari, Ritieni la cosa positiva?
 
SI
NO
 
       












Partners
 
 
 
 
 


Dir.Resp.: Ettore Bonalberti - Coordinatore Blog: Giorgio Zabeo
Redazione e amministrazione: C.so del Popolo, 29 - 30172 Mestre (Venezia) - tel. e fax 041/978232 - Email: info@insiemeweb.net
©2008 Associazione Insieme - powered by Enforma Solutions - based on en-press engine - Privacy Policy