Nel rifugio degli dei
Postato da admin [20/08/2011 19:55]

Che la crisi sia globale non vi sono dubbi, che questa sia iniziata  anni addietro, almeno dal 2008, pare assodato, che  oggi  bussi in modo molto forte alle porte del nostro Paese e che dia l'assalto alla nostra economia pare essere innegabile. Ma accanto e a fronte di questo noi, popolo minuto, assistiamo ad una recita da parte della classe dirigente, tutta, non solo quella politica o quella della Destra o della Sinistra, ma tutta, ad una recita che sa di assurdo. Non è accaduto che una valanga enorme scendesse improvvisa  dalle montagne e sconvolgesse le valli e la pianura, né che dal mare come è accaduto, si scatenasse  una montagna d'acqua irrefrenabile, sulle coste del nostro Paese. I segni erano visibili da tempo, gli economisti  si spendevano in analisi del come e del perché "era avvenuto che", i grandi dell'economia e della produzione  puntavano il dito contro la politica e la politica scaricava , l'una parte contro l'altra, ogni responsabilità e quando questo era  assolutamente  impossibile farlo allora esisteva sempre il "nemico"lontano: il fato. Ma  venendo alle nostre cose, a quelle della  nostra Italia, pesta e contusa, non ho memoria, almeno in questo ultimo periodo, di aver letto o sentito in TV, un solo appartenente alla classe dirigente, anche ai massimi livelli,  che ammettesse che qualche errore fosse da lui stato compiuto, anzi. Anche di fronte alla dura realtà della prima e della seconda manovra, sicuramente  e indiscutibilmente non sufficientemente ardite, ma altrettanto sicuramente non strutturate in modo tale da essere, dure si, ma eque, si sono inseguite accuse reciproche, distinguo,  rifiuti, difesa di privilegi, avanzare proposte combattute duramente ieri e fatte proprie oggi, demagogicamente inutili, ma nessun mea culpa.

Credo  che si debba prendere atto che  è  giunto il momento   dell'intelligenza politica, ossia  guardare   a coloro che intendono  essere classe dirigente, specie politica, e comprendere  se questi hanno  coerenza, solidità e onestà di intenti, senso del  servizio, il coraggio dell'umiltà  nel fare.

Mario Giulianati

Vicenza 19 agosto 2011

 
Vota l'articolo:                    Media dei voti:                  Votanti: 0  Commenti: 0
 
Postato da [20/08/2011 19:55]

 
Aggiungi un commento
 
Email (*)

Commento



(*) L'indirizzo email è obbligatorio per gli utenti non loggati nel sistema.
L'inserimento del commento comporta l'iscrizione a questo blog ed il commento verrà pubblicato solo una volta accettate le condizioni presenti nell'email di conferma spedita automaticamente dal sistema.


 
Email:
Password:
 
            
Vuoi commentare gli articoli? Inserisci la tua email e richiedi la tua password premendo sul tasto "registrati"
 
 
    
Alcuni movimenti politici e associazioni stanno tentando di ricomporre su basi innovative l'area dei democratici cristiani e dei popolari, Ritieni la cosa positiva?
 
SI
NO
 
       












Partners
 
 
 
 
 


Dir.Resp.: Ettore Bonalberti - Coordinatore Blog: Giorgio Zabeo
Redazione e amministrazione: C.so del Popolo, 29 - 30172 Mestre (Venezia) - tel. e fax 041/978232 - Email: info@insiemeweb.net
©2008 Associazione Insieme - powered by Enforma Solutions - based on en-press engine - Privacy Policy