DELLA LEGA VENETA
Postato da admin [06/10/2020 18:46]

Caro Dino ho letto con interesse il tuo j’accuse profetico post elettorale del voto veneto di Settembre. Il medesimo interesse con cui seguo il tuo appassionato impegno per un coinvolgimento diretto civico sin qui risultato scarso se non inesistente.

Confesso che larga parte della tua diagnosi sul caso del dominio di Zaia nella politica veneta è condivisibile, anche se, a mio parere, insufficiente per collocare nella giusta dimensione storico politica la realtà della Lega veneta sorta agli inizi degli anni’80.

Quando da responsabile del programma della DC veneta ebbi i primi contatti con Achille Tramarin e Franco Rocchetta, antesignani di un fenomeno politico allo “statu nascenti”, che dovette ben presto fare i conti e soccombere nei confronti della Lega lombarda guidata da Umberto Bossi, sino al sacrificio successivo dello stesso Comencini, dal gruppo di studio che la DC pensò di istruire ( composto, tra gli altri, dagli amici prof. Ulderico Bernardi, il compianto prof. Ferrucio Bresolin e prof. Enrico Berti e dal sottoscritto) compresi che si trattava di un progetto politico culturale che originava dalle radici profonde del tessuto popolare della nostra terra. Basta ricordare come, senza risorse e con una comunicazione basata sull’utilizzo di manifesti murali fatti a mano o da scritte improvvisate sui muri o sui cavalcavia autostradali, quel movimento spontaneo finisse col penetrare progressivamente nei nostri comuni, soprattutto quelli della fascia pedemontana veneta, anche in quelli nei quali la DC segnava punte di consenso elettorale oltre il 50-60%. Si trattò del più vasto smottamento del consenso democratico cristiano di tutta la storia repubblicana.

Non si può, dunque, analizzare il fenomeno leghista veneto se non si riconosce quest’origine autenticamente popolare radicata nell’autonomismo locale che è stata la cifra anche della condizione di egemonia vissuta dalla DC veneta dal 1947-48 e per quasi cinquant’anni. Certo un movimento-partito che non si alimentava della nostra cultura cattolico democratica e cristiano sociale, ma, in origine, sull’idea del valore dell’antica supremazia Serenissima e, poi, su quelli bossiani della “Padania”, come terra promessa distinta e distante da “Roma ladrona” da cui ci si augurava il distacco, anche quando il ministero degli Interni, espressione massima del valore dello Stato unitario, fu affidato alla guida del segretario pro tempore leghista, Roberto Maroni.

Questo carattere popolare forte del valore dell’autonomismo locale è sempre stato alla base della Lega veneta che, proprio dal consenso e dal potere assunto democraticamente negli enti locali, ha saputo costruire la sua egemonia, sino al dominio attuale del potere di Luca Zaia. Intatti i valori di riferimento essenziali della democrazia parlamentare e costituzionali, come furono egregiamente dimostrati dalla netta scelta compiuta dalla Lega a favore del NO nel referendum contro la deforma costituzionale renziana. Non dimenticherò mai l’apporto straordinario che il presidente Ciambetti, con i più autorevoli esponenti leghisti delle sette province venete, assicurò al nostro comitato dei Popolari per il NO. Un accordo anche con i riformisti di sinistra che seppe garantire la netta vittoria del NO nel Veneto a quel voto referendario del 4 dicembre 2016.

Certo il passaggio dalla guida forza leghista a conduzione Galan della Regione a quella legaforzista di Zaia è un momento politico amministrativo delicatissimo, cui tu da tempo dedichi la giusta attenzione. Il tempo degli “homini novis” che ebbero in gran dispitto quelli che, come molti di noi, erano stati e sono espressione della sempre più rivalutata Prima Repubblica. Homini novis, e pure qualche donna czarina della prima ora, i quali procedettero alle purghe di tipo staliniano di cui fui una personale diretta vittima.

Credo, insomma, che tutti questi elementi andrebbero considerati, insieme a quelli più fortemente critici da te evidenziati, se sulla Lega veneta vogliamo svolgere una riflessione più rigorosa, sia sul piano storico che su quello politico culturale.

Quanto al voto di Settembre e lo faccio non come previsione a futura memoria, ma come realistica costatazione di un dato effettuale, ciò che credo andrebbe evidenziato sia, da un lato, l’ennesimo reiterato tentativo lombardo messo in campo stavolta da Salvini, di stoppare il voto alla lista Zaia per impedirne il sorpasso su quella ufficiale della Lega, riconfermando l’antica volontà di supremazia lombarda su quella veneta. Una supremazia che, stavolta, rischia di mettere in gioco la stessa leadership di un partito non più padano, ma nazionale, tra “il Tecoppa meneghino” e la figura più moderata e istituzionale di Zaia. Dall’altra, la realtà di una competizione dov’è totalmente scomparsa la presenza di una forza organizzata dell’area cattolico democratica e cristiano sociale. Di ciò ho scritto nel saggio che presenterò a St Vincent, al convegno che si terrà il 9-10-11 Ottobre p.v. che ho titolato: DEMODISSEA, Il travaglio di “Don Chisciotte” nella lunga stagione della diaspora DC (1993-2020).

Ettore Bonalberti - Federazione Popolare DC Venezia,

4 Settembre 2020

 


 
Email:
Password:
 
            
Vuoi commentare gli articoli? Inserisci la tua email e richiedi la tua password premendo sul tasto "registrati"
 
 
    
Alcuni movimenti politici e associazioni stanno tentando di ricomporre su basi innovative l'area dei democratici cristiani e dei popolari, Ritieni la cosa positiva?
 
SI
NO
 
       












Partners
 
 
 
 
 


Dir.Resp.: Ettore Bonalberti - Coordinatore Blog: Giorgio Zabeo
Redazione e amministrazione: C.so del Popolo, 29 - 30172 Mestre (Venezia) - tel. e fax 041/978232 - Email: info@insiemeweb.net
©2008 Associazione Insieme - powered by Enforma Solutions - based on en-press engine - Privacy Policy