Ricordo di Dino De Poli
Postato da admin [22/07/2020 16:11]


Dino De Poli ci ha lasciati e con lui scompare una delle figure più importanti della DC trevigiana e veneta. Leader della corrente di Base, fin dalla fine degni anni’60 ho potuto godere dei suoi insegnamenti culturali e politici. Ammiratori entrambi di Gianni Brera, era per me piacevole seguire Dino che scriveva sull’agenzia basista RADAR, edizione veneta, con lo stile del grande giornalista pavese, introducendo per la politica neologismi espressione della sua grande cultura umanistica e delle genti venete. Nei suoi interventi nel comitato regionale della DC mi colpivano i costanti riferimenti di natura etica e della migliore cultura della tradizione cattolico democratica. I toni che egli usava, anche nei dibattiti più accesi, erano sempre accompagnati da una piacevole e convincente ironia, che non trascendeva mai oltre i limiti della pur franca dialettica politica.

A Treviso, nella DC, rappresentò il capofila di un’autentica scuola che produsse alcune delle più autorevoli figure, come quella di Carlo Bernini, futuro presidente della Regione Veneto e di Piero Pignata che assunse la guida del Movimento giovanile della DC.

Ci fu una lunga stagione di democratica alternativa della sinistra DC ai dorotei, anche qui temperata nei toni, che Dino sintetizzò nella celebre frase: “ Sior Toni ( Bisaglia) paron, a nu le pene a ti al capon”, cui seguì l’ultima di aperta collaborazione, che portò alla presidenza della regione del suo ex allievo Bernini.

Anche dopo la fine politica della DC ( 1993), assunto in quegli anni il ruolo che svolse con estrema capacità della Presidenza di Cassa Marca, Dino De Poli mi offrì sempre generosamente i suoi preziosi suggerimenti, mantenendo ben distinta la sua nuova funzione dalla quale derivarono tante iniziative preziose sul piano culturale e degli interventi ambientali che, grazie alla sua sensibilità, potemmo avviare anche in campo forestale e ambientale.

Treviso e il Veneto con la scomparsa di Dino De Poli perdono una delle ultime figure della grande storia democratico cristiana; una storia che era il risultato di una combinazione di interessi e valori di un blocco sociale che è stato alla base della rinascita di una Regione da terra di emigrazione a terra di sviluppo e di relazione aperta al mondo. Un mondo nel quale De Poli volle soprattutto evidenziare con dovizia il ruolo svolto dall’umanesimo latino.

Caro Dino, mi mancheranno i tuoi consigli ora che il Signore ti ha chiamato a sé. Adesso troverai in Paradiso gli amici di un tempo: Marcora, Donat Cattin, Bisaglia, Degan, Tina Anselmi, Marino Corder, Bepi Marton, Toni Marta e i veneziani: Gagliardi ( indimenticabile il tuo discorso funebre sulla bara dell’amico vittima di un drammatico incidente stradale) e Zanini, con i quali continuerai a discutere con la compostezza e l’ironia di un tempo di cose più preziose. Grazie per il tuo insegnamento e per i valori che mi hai indicato, tra i quali l’orgoglio di essere un democratico cristiano.

 

ETTORE BONALBERTI

 

22 Luglio 2020 

 


 
Email:
Password:
 
            
Vuoi commentare gli articoli? Inserisci la tua email e richiedi la tua password premendo sul tasto "registrati"
 
 
    
Alcuni movimenti politici e associazioni stanno tentando di ricomporre su basi innovative l'area dei democratici cristiani e dei popolari, Ritieni la cosa positiva?
 
SI
NO
 
       












Partners
 
 
 
 
 


Dir.Resp.: Ettore Bonalberti - Coordinatore Blog: Giorgio Zabeo
Redazione e amministrazione: C.so del Popolo, 29 - 30172 Mestre (Venezia) - tel. e fax 041/978232 - Email: info@insiemeweb.net
©2008 Associazione Insieme - powered by Enforma Solutions - based on en-press engine - Privacy Policy