Dopo il quinto fallimento sulla separazione tra Venezia e Mestre
Postato da admin [03/12/2019 21:54]


Scrive oggi il Gazzettino: “Un flop il quinto referendum (in 40 anni) per la separazione tra Venezia Mestre: alle 23, ora di chiusura dei seggi, ha votato soltanto il 21,73%  pari a 44.887 cittadini su 206.553 aventi diritto. E' questo il risultato finale dell'affluenza. E' in corso lo scrutinio anche se chiaramente il quorum del 50% più 1 non è stato raggiunto: su 167 sezioni su 256 il Sì è al 63,15% il No al 36,84%. I separatisti hanno già annunciato ricorso. A far pendere l'ago della bilancia per il no alla divisione in due comuni sono stati soprattutto gli abitanti della terraferma, disertando il voto: in terraferma ha votato il 16,35%. Un afflusso più massiccio, ma numericamente meno "pesante", si è avuto in centro storico (32,4%) e nelle isole (28%) della laguna.”

Dopo questo quinto tentativo fallito credo si sia scritta la parola fine al tormentone sulla separazione delle due città.


Serve una riflessione seria sul destino di Venezia città metropolitana alla quale, noi DC non pentiti e popolari veneziani, avevamo contribuito con le proposte sintetizzate nel saggio: “ la nostra idea di Venezia”, che riproponiamo integralmente in allegato e sul quale desidereremmo avviare un confronto con quanti sono interessati al progetto tra i cittadini veneziani e veneti.

Quel saggio era stato la nostra indicazione di voto nelle ultime elezioni amministrative locali,  nelle quali abbiamo sostenuto la candidatura di Brugnaro e la lista civica di Renato Boraso. Da entrambi non abbiamo ricevuto alcuna risposta ciò che noi avevamo evidenziato e, onestamente, siamo profondamente delusi di quanto questa amministrazione ha sin qui realizzato.





Crediamo che vada rilanciata l’idea della città metropolitana, il cui Sindaco dovrà essere eletto direttamente da tutti i cittadini elettori aventi diritto con la creazione di municipalità, compresa quella di Mestre e terraferma, dotate di autonomia amministrativa sul piano della sussidiarietà verticale.

Ai promotori del referendum fallito, spetta il compito di riproporre le loro idee su Venezia e su Mestre e di prepararsi a sostenere nuove classi dirigenti a partire dalle prossime elezioni amministrative, con candidati credibili ai quali noi DC non pentiti e popolari veneziani offriamo “ la nostra idea di Venezia”.

E’ tempo di ricomposizione e di unità della nostra città metropolitana per affrontare e risolvere insieme le sfide straordinarie che la natura, il clima, le colpe e i reati gravi commessi da alcuni politici e la condizione complessiva economica, sociale, culturale e etica, ci impongono in questa fase complessa e difficilissima della nostra storia.


Ettore Bonalberti

Presidente ALEF

Componente del comitato provvisorio della Federazione Popolare dei DC







 


 
Email:
Password:
 
            
Vuoi commentare gli articoli? Inserisci la tua email e richiedi la tua password premendo sul tasto "registrati"
 
 
    
Alcuni movimenti politici e associazioni stanno tentando di ricomporre su basi innovative l'area dei democratici cristiani e dei popolari, Ritieni la cosa positiva?
 
SI
NO
 
       












Partners
 
 
 
 
 


Dir.Resp.: Ettore Bonalberti - Coordinatore Blog: Giorgio Zabeo
Redazione e amministrazione: C.so del Popolo, 29 - 30172 Mestre (Venezia) - tel. e fax 041/978232 - Email: info@insiemeweb.net
©2008 Associazione Insieme - powered by Enforma Solutions - based on en-press engine - Privacy Policy