Il volto umano del diritto
Postato da admin [16/03/2019 00:17]

SALVATORE NAPOLITANO              Ingegnere  

 Via A. De Gasperi, 30 – 80033 Cicciano (Na) -  email: ingnapolitano.s@libero.it  

Aldo Moro – il volto umano del diritto

Il 1 marzo ’19 si è tenuto un interessante convegno, organizzato dal Lions Club Nola “Ottaviano Augusto”, presso la location della Chiesa dei SS. Apostoli in Nola, per la presentazione del libro dal titolo: Aldo Moro – il volto umano del diritto -. Autore, il prof. Franco Vittoria, dottore di Ricerca in Scienza Politica e Istituzione in Europa, presso l’Università degli Studi “Federico II” di Napoli. 

L’evento è stato di notevole spessore culturale, per la qualità dei relatori e per le originali riflessioni racchiuse nel libro.

Entrare nel pensiero di Moro è come portare alla luce uno scrigno, custode di oggetti preziosi, celato dal piano inclinato della triste vicenda che lo ha visto protagonista e vittima delle brigate rosse. Il merito dell’autore e del service, è di aver aperto riflessioni originali sui molteplici aspetti dell’intelligenza di Moro, estremamente interessanti e, a tratti, inediti. Sconvolge l’attualità e la profondità del pensiero politico di Moro che dovrebbe riguardare tutti, politici, amministratori, giuristi, professionisti, cattolici e  laici. 

Lo spirito dello statista merita di emergere e di essere rivelato alla società italiana ed europea, coperto sino ad ora dalla violenza dei brigatisti rossi e dai loro manovratori. Il messaggio che Moro promanava in vita era in antitesi alla società del pensiero unico che domina l’epoca odierna. Egli promuoveva  “un’etica del pubblico e della partecipazione”  alla cosa pubblica, poiché riteneva che tutti dovessero farsi carico della compartecipazione allo sviluppo della comunità, intesa come Stato. Spronava la collettività ad essere parte attiva, superando le logiche del potere, ponendo al centro della politica e dello stato la persona. L’uomo.  

Il prof. Vittoria ha posto in risalto uno degli aspetti più importanti dello statista e prossimo al messaggio lionistico: “l’etica e il servire  gli altri e per gli altri”, attraverso la missione pubblica. 

L’idea politica morotea, più che un riferimento, è una luce per tutti, soprattutto per le nuove generazioni. Anche noi Lions dovremmo porla al centro della formazione e crescita sociale dell’associazione, quale riferimento etico e dell’etica lionistica. Il nostro “we serve” è lo stesso di Moro, Lui è il Melvin Jones italiano e Moro il Melvin Jones americano. Lo statista italiano merita alla memoria il più alto riconoscimento mondiale del Lions Clubs International, del quale saremo promotori attraverso un seminario culturale del pensiero etico di Aldo Moro.

La sua immensa figura morale, purtroppo, in politica fu spesso sovrastata dalla lotta di parte, anche all’interno del partito della  Democrazia Cristiana e, dopo la tragica fine per mano delle brigate rosse, dai mass-media e dai numerosi processi che hanno deviato e coperto le interessanti riflessioni quale giurista anche sulle tematiche del diritto e dei doveri dei cittadini. 

L’assassinio delle brigate rosse aveva, a mio parere, come scopo precipuo, uccidere non il corpo di Moro, ma il suo messaggio d’amore rivolto alla collettività e all’umanità intera, senza distinzioni di sorta o di appartenenza. Riprenderne il pensiero è la risposta al rifiuto più netto della strategia di morte portata dai terroristi rossi, esaltandone il vero e nobile ideale della sua missione. 

La stupefacente attualità sta nella rilettura dei suoi interventi e scritti. Nel 1969, a Bari, indicò alla Democrazia Cristiana, di ascoltare il paese, tutto intero, “le ragioni di tutte le opposizioni e le aspirazioni e le attese che esse esprimono, è nella prassi della democrazia rappresentativa (!), senza concessione sui principi caratterizzanti, ma in una posizione di rispetto e di attenzione, che è propria di una vera e matura democrazia”. Lui era per la politica dell’ascolto, sosteneva, poi, che “al partito forza e struttura necessitava sostituirlo col partito idea, che accende e utilizza l’intelligenza delle cose nelle masse di popolo”. Dunque, “se serve poco il potere del partito, serve poco il potere nel partito”. E’ il pensiero etico nella politica che con forza dovremmo infondere oggi alle giovani generazioni.

Il messaggio etico moroteo, a mio parere, è stato ripreso da Papa Benedetto XVI nel suo storico discorso a Ratisbona, allorquando, affermò: “Dio non si compiace del sangue, non agire secondo ragione, è contrario alla natura di Dio».  Dio non vuole il conflitto, respinge la violenza, le controversie, se si palesano si risolvono con la ragione, col dialogo, col confronto, con la parola, non con la spada. Ebbene, Moro  invitava a capire le ragioni e le attese di tutti, in politica, della maggioranza e delle opposizioni, e nella comunità intera, senza rinunciare ai propri principi politici.  Sono in grande sintonia i due leader, come lo era con Paolo VI, suo grande amico personale e spirituale. La vicinanza del pensiero moroteo al lionismo è altrettanto stimolante.  E’ sufficiente far riferimento al codice dell’etica lionistica, scritto da Melvin Jones, al quale tutti i Lions del mondo hanno l’obbligo di conformarsi. Lui affermava la verità, consapevole che “la verità e le rose sono avvolte da spine”, ma non per questo si deve rinunciare dall’affermarla con forza e coraggio, la verità è dignità.  Seguire e capire questi grandi uomini, tutti con percorsi diversi ma con uno

stesso obiettivo: la ricerca della verità con la ragione, adoperando la parola per risolvere i conflitti. Non mancando ai doveri verso la Patria, lo Stato, la comunità e i più deboli. Questo è il vivere il servizio lionistico contribuendo a far uscire dalla palude la società, come quella attuale, implosa nelle banalità e dalle banalità quotidiane. Nola, 10 marzo ’19

 

         Salvatore Napolitano         Lions Club Nola “Ottaviano Augusto”

 

 

 


 
Email:
Password:
 
            
Vuoi commentare gli articoli? Inserisci la tua email e richiedi la tua password premendo sul tasto "registrati"
 
 
    
Alcuni movimenti politici e associazioni stanno tentando di ricomporre su basi innovative l'area dei democratici cristiani e dei popolari, Ritieni la cosa positiva?
 
SI
NO
 
       












Partners
 
 
 
 
 


Dir.Resp.: Ettore Bonalberti - Coordinatore Blog: Giorgio Zabeo
Redazione e amministrazione: C.so del Popolo, 29 - 30172 Mestre (Venezia) - tel. e fax 041/978232 - Email: info@insiemeweb.net
©2008 Associazione Insieme - powered by Enforma Solutions - based on en-press engine - Privacy Policy