Seminario di Regione Veneto e AIKAL sulle agevolazioni fiscali in materia di mecenatismo
Postato da admin [24/11/2017 00:05]


Seminario di Regione Veneto e AIKAL sulle agevolazioni fiscali in materia di mecenatismo nei distretti  culturali del Veneto

 

Un  centinaio di persone provenienti da varie parti del Veneto: sindaci, assessori alla cultura, rappresentanti di enti, associazioni e movimenti culturali, hanno partecipato al seminario regionale organizzato dalla Regione Veneto e da AIKAL (www.aikal.eu) al Russott Hotel di Mestre, sul tema: Agevolazioni fiscali previste dalla legge sul mecenatismo d’Impresa.

 

Ha aperto i lavori  l’assessore regionale alla cultura, Cristiano Corazzari, presentando il progetto della Regione Veneto nel settore della cultura e in particolare per i distretti culturali esistenti sul territorio.

 

Il Presidente di AIKAL, Ettore Bonalberti, presentando il progetto AIKAL per la creazione di fondazioni di partecipazione nei distretti culturali interessati/bili, ha sottolineato il valore di un’iniziativa che si propone di favorire la promozione  degli abitanti del territorio  in

“ambasciatori di Cultura” dei loro distretti. Un progetto reso oggi possibile grazie alle agevolazioni fiscali assicurate dalla nuova legge sul mecenatismo cutlurale, il cui contenuto e le cui diverse casistiche applicative sono indicate nella guida edita da Metakom srl, socio AIKAL, per conto di Regione Veneto, avente per oggetto: Arte&nuovo mecenatismo- L’Art Bonus e le altre agevolazioni fiscali riservate alle Imprese e ai cittadini che investono in beni culturali e nello spettacolo. Guida distribuita a tutti gli intervenuti.

 

Proprio l’autrice di questa guida, dr.ssa Anna Maria Buzzi, dirigente generale del Ministero dei Beni Ambientali, Culturali e del Turismo (MIBACT), ha lucidamente spiegato le agevolazioni normative che prevedono sgravi fiscali per oltre 100 milioni di euro, a favore di PMI imprese, partite IVA, commercianti, artigiani, e singoli cittadini che intendono farsi mecenati di progetti culturali dei loro territori. Una disponibilità sin qui assai poco conosciuta e della quale sono state presentate al Ministero, sino ad oggi, richieste per appena un decimo delle disponibilità indicate.

 

AIKAL ha, al riguardo, suggerito l’avvio nei distretti culturali interessati di fondazioni di partecipazione della cui normativa e pratica realizzabilità ha lucidamente esposto le caratteristiche, il dr Giovanni Diaz, commercialista veneziano, revisore dei conti e docente. Uno dei massimi esperti veneti in materia di fondazioni nel settore della cultura. Copia del suo interessante intervento sarà reso disponibile dall’autore e da AIKAl a chi ne fosse interessato.

 

Presentate le normative legislative e lo strumento operativo della fondazione di partecipazione, AIKAL ha presentato quattro  testimonianze e case studies di interesse territoriale.

 

Il prof Pietro Fracanzani, componente del comitato scientifico di AIKAL,  ha esposto il caso delle città murate venete e il progetto di un festival del cortometraggio sullo scottante tema del femminicidio.

 

La prof.ssa Dina Maragno, del CTS AIKAL: il caso del distretto del fiume PO-Eridano. Un progetto bottom-up, nato cioè dalla collaborazione di numerosi esperti e tecnici polesani, che intendono proporre il grande fiume come l’archetipo dell’oro blu e il ruolo che i fiumi del mondo hanno rappresentato e continuano a rappresentare per la cultura.

Il Dr Efrem Tassinato, socio fondatore AIKAL, ha presentato il caso del distretto del Brenta: un fiume d’arte e di storia. Un progetto che, in quella specifica striscia di terra tra Padova e Venezia, può offrire, accanto alle numerose bellezze ambientali e architettoniche, una straordinaria offerta gastronomica che richiede solo di essere messa in rete, consapevoli che “ da soli si va più veloci, ma insieme si va più avanti”.

 

Infine l’avv.Ugo Ticozzi e il prof Roberto Stevanato, in rappresentanza del comitato per la promozione socio culturale di Mestre e il Centro studi storici di Mestre, hanno presentato il progetto di una fondazione di partecipazione” Mestre domani” su un’idea a cura dei due autori, sviluppata in collaborazione con AIKAL e, in particolare, con il project leader, Mario Guadalupi.

 

E’ seguita una seconda parte del seminario nella quale il chair man Bonalberti, ha guidato un’interessante tavola rotonda con i rappresentanti delle principali categorie economiche della realtà veneta.

 

Sono intervenuti: il Dr Gianangelo Bellati, direttore generale di Unioncamere del Veneto, il quale ha elogiato AIKAL e Regione Veneto per questa iniziativa che offre positive indicazioni per il rilancio del mecenatismo culturale. Un rilancio che potrà esser sostenuto non solo dalle agevolazioni fiscali previste dalla legge nazionale, ma anche da diversi progetti presentabili a valere sui fondi europei.

 

Per la Confcommercio del Veneto è intervenuto il Dr Eugenio Gattolin, per la Confindustria, in rappresentanza del presidente Zoppas, il dr Italo Candoni, e per la Confartigianato, il Dr Renato Grotto, responsabile dell’area mercato.

 

Tutti e tre gli esponenti di queste importanti categorie si sono dichiarati molto soddisfatti delle indicazioni emerse dal seminario e pronti a sostenere la promozione dei seminari che AIKAL intende sviluppare nei distretti regionali interessati a partire da quelli di cui alle esperienze odierne presentate.

Particolare nota positiva l’informazione fornita da Confindustria, del risultati di un ‘indagine condotta sul mecenatismo dell’industria veneta, che ha potuto rilevare la presenza di oltre 350 mecenati. Non solo grandi imprese, ma, soprattutto, piccole  e medie imprese interessate a progetti di valorizzazione dei loro territori.

Ettore Bonalberti, ringraziando tutti gli intervenuti, dopo le risposte ad alcune domande formulate dai presenti ai relatori, ricordando ciò che i nostri antenati hanno saputo fare in materia di mecenatismo; un lavoro costante nel tempo che ci ha permesso di accumulare tesori d’arte, di bellezze ambientali, architettoniche e del paesaggio tra le più belle del mondo, ha posto alle due rappresentanti delle istituzioni presenti: la dr.. Bressani per Regione Veneto e la dr.ssa Anna Maria Buzzi per il Ministero dei Beni culturali due richieste:

  1. l’invio a tutti i commercialisti italiani  della guida sulle agevolazioni fiscali, colmando il divario informativo esistente tra operatori economici e opportunità legislative, magari tramite anche l’organizzazione di un seminario ad hoc proprio con l’ordine dei commercialisti nazionale e regionale

  2. il sostegno ai seminari distrettuali delle Regione che, con la collaborazione con le associazioni di categoria, AIKAL svilupperà nei prossimi mesi. AIKAL si proporrà anche come organizzatrice di uno sportello informativo aperto sui temi discussi.

E’ toccato a Mario Guadalupi, V.Presidente AIKAL, e project leader del progetto dei distretti culturali, concludere i lavori citando, con le frasi di Roberto Benigni, il valore delle eccellenze italiane in tutti i principali settori della vita economica, scientifica ed artistica; un’eccellenza che spetta solo ai nuovi mecenati saper vieppiù sviluppare con l’obiettivo di fare dei cittadini veneti i primi ambasciatori di cultura nel mondo.

 


 
Email:
Password:
 
            
Vuoi commentare gli articoli? Inserisci la tua email e richiedi la tua password premendo sul tasto "registrati"
 
 
    
Alcuni movimenti politici e associazioni stanno tentando di ricomporre su basi innovative l'area dei democratici cristiani e dei popolari, Ritieni la cosa positiva?
 
SI
NO
 
       












Partners
 
 
 
 
 


Dir.Resp.: Ettore Bonalberti - Coordinatore Blog: Giorgio Zabeo
Redazione e amministrazione: C.so del Popolo, 29 - 30172 Mestre (Venezia) - tel. e fax 041/978232 - Email: info@insiemeweb.net
©2008 Associazione Insieme - powered by Enforma Solutions - based on en-press engine - Privacy Policy